::Home > Chi siamo > Rassegne > Contatti
acec
Rassegne - Sentieri di Cinema

>> Archivio rassegne

 
Speciali

:: Giffoni 2015

 
Ricerca nel Sito

:: trova film



fb SEGUICI SU FACEBOOK

 
Iscriviti alla nostra Newsletter
Indirizzo E-Mail :

Nome:

Cognome:

Iscrizione
Cancellazione
 

:: in evidenza

Tropicittà 2018

Tropicittà

Giffoni 2018

Percorsi creativi

Fuori dal coro 2018

 

"visti per voi": appuntamento al cinema

ULTIME RECENSIONI:

  • ZEN SUL GHIACCIO SOTTILE

  • IL RAGAZZO PIU' FELICE DEL MONDO

  • A STAR IS BORN

  • OPERA SENZA AUTORE

  • UNA STORIA SENZA NOME

  • LA PROFEZIA DELL'ARMADILLO

  • SULLA MIA PELLE

  • LA MELODIE

  • ARCHIVIO COMPLETO

  • Notizie

    Premio giuria giovani a Corto Dorico

    La Giuria Giovani “Nazareno Re” dell’edizione di Corto Dorico 2018 (coordinata dal CGS Dorico di Ancona) assegna il premio al cortometraggio

     FRONTIERA di Alessandro Di Gregorio

     con la seguente motivazione:

    “per aver scelto una fotografia nitida che accentua la crudezza dei dettagli narrativi, evidenziando la drammaticità del tema.

     L’alternarsi fra primissimi piani e campi lunghi genera sequenze cariche di attesa e dense di significato, che valorizzano l’assenza dei dialoghi e rendono immediata una comunicazione che si concretizza nell’amplificarsi dei rumori.
    La tematica delle morti in mare non si ferma al dramma dell’immigrazione, ma suggerisce allo spettatore spunti di interpretazione e riflessione sulla Frontiera tra la vita e la morte."

    [ leggi tutto | Segnala ad un amico | Pagina stampabile ]

    -------------------
    Corto Dorico: premio SENTIERI di CINEMA 2018

     

     

    La Giuria CGS Marche – Cinecircoli Giovanili Socioculturali e ACEC Marche – Associazione Cattolica Esercenti Cinema, nell’ambito del Progetto “Sentieri di Cinema”, assegna il Premio “Sentieri di Cinema 2018” al cortometraggio:

     

    THE VIEW FROM UP HERE di Marco Calvani

     

    con la seguente motivazione:

     

    "Per aver saputo condensare in pochi minuti i pregiudizi che ostacolano i processi di integrazione e di inclusione nonché l’incapacità di dialogare su un terreno diverso dal proprio.

     

    L’Autore sceglie di muoversi con discrezione in un allestimento solo apparentemente minimale dove tutto sembra giocarsi nel confronto fra i due personaggi femminili – di cui peraltro si apprezza l’intensa prova attoriale – ma che rivela, in effetti, una sapiente costruzione di scrittura dei testi basata sulle antinomie e sulle differenze: alto/basso; attico/giardino; bisogno di cibo/digiuno; esasperazione della parola/silenzio ove la forza espressiva del racconto si carica di significati in un gradevole crescendo.

     

    Gli elementi del linguaggio cinematografico: recitazione, sonoro, inquadrature, montaggio, ritmo e fotografia concorrono alla costruzione di un messaggio, quello dell’inadeguatezza culturale che genera la paura e il rifiuto del diverso, tanto più forte quanto apparentemente freddo e distaccato."

     

    [ leggi tutto | Segnala ad un amico | Pagina stampabile ]

    -------------------

    ALTRE NOTIZIE


    Altri canali

     



    Collaborazioni

     


    AMMINISTRAZIONE

    visitatore numero:

    top

    C.G.S. MARCHE C.F. 93025930426
    C.SO CARLO ALBERTO 77 ANCONA

    Questa settimana al cinema

     

    Attualmente non ci sono Film