> Home > Chi siamo > Rassegne > Contatti
     
 

Archivio


:: LA MELODIE |
voto:


:: LA CASA SUL MARE |
voto:


:: A QUIET PLACE - Un posto tranquillo |
voto:


:: DARK NIGHT |
voto:


:: THE SHAPE OF WATER |
voto:


:: TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI |
voto:


:: SUBURBICON |
voto:


:: VICTORIA E ABDUL |
voto:


:: MADRE! |
voto:


:: NICO, 1988 |
voto:


:: AMMORE E MALAVITA |
voto:


:: UNA FAMIGLIA |
voto:


:: L'ORDINE DELLE COSE |
voto:


:: IL COLORE NASCOSTO DELLE COSE |
voto:


:: L'EQUILIBRIO |
voto:


:: GATTA CENERENTOLA |
voto:


:: VELENO |
voto:


:: LA VITA IN COMUNE |
voto:


:: DUNKIRK |
voto:


:: ON THE MILKY ROAD - sulla via lattea |
voto:

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19

 

 

 

 

 

:: Speciale a cura dei membri del CGS

"visti per voi"
Schede di film recenti redatte e curate dal CGS Marche

Vi state chiedendo quale film andare a vedere al cinema?
In questa sezione trovate le nostre opinioni e valutazioni su pellicole viste recentemente.

 

Ultima recensione:

LA ZUPPA DEL DEMONIO

recensione di: A.P. | voto: 4

regia: Davide Ferrario
Dino Risi, Ermanno Olmi, Alessandro Blasetti, Mario Camerini, Luca Comerio, Nelo Risi, Giuseppe Ferrara, Ferdinando Cerchio (75')
anno: 2014


Documentario, presentato Fuori concorso a Venezia 71.
L’utopia del progresso industriale e tecnologico in Italia dal primo decennio del ‘900 alla crisi petrolifera del ’73. Il nuovo documentario dell’autore di “La fine della notte”, “Tutti giù per terra”, “Figli di Annibale”; “Guardami” e “Dopo mezzanotte” (più diversi documentari tutti presentati in Festival internazionali quali Venezia, Berlino, Toronto e Locarno), mette insieme frammenti dall’Archivio Nazionale del Cinema di Imprese di Ivrea con commenti d’eccezione da Leonardo Sciascia a Dino Buzzati, da Giorgio Bocca a Ermanno Olmi, fino a Pasolini. Il passaggio dalla società agricola a quella industriale, ma anche la trasformazione della società italiana, vengono trattati attraverso l’analisi di “fenomeni” quali: la FIAT di Valletta, la costruzione dell’acciaieria a Taranto, del polo petrolchimico di Gela, ma anche l’esperienza dell’Olivetti ad Ivrea, così come la costruzione della prima centrale atomica italiana a Latina. Scopo dell’autore, più che giudicare il livello dell’informazione e dell’approfondimento di allora, è quello di indagare l’evoluzione dell’immaginario prodotto dall’utopia industriale; un immaginario capace di influenzare l’allora presente, il nostro e, necessariamente, il futuro. Un buon prodotto che non sfigurerebbe in una rassegna d’essai.

Valutazione: quasi 4 pallini

________________________________

Segnala ad un amico

indietro

visitatore numero:

top

 
 
 

Galleria di immagini


____________