> Home > Chi siamo > Rassegne > Contatti
     
 

Archivio


:: VICTORIA E ABDUL |
voto:


:: NICO, 1988 |
voto:


:: MADRE! |
voto:


:: AMMORE E MALAVITA |
voto:


:: UNA FAMIGLIA |
voto:


:: L'ORDINE DELLE COSE |
voto:


:: IL COLORE NASCOSTO DELLE COSE |
voto:


:: L'EQUILIBRIO |
voto:


:: GATTA CENERENTOLA |
voto:


:: VELENO |
voto:


:: LA VITA IN COMUNE |
voto:


:: DUNKIRK |
voto:


:: ON THE MILKY ROAD - sulla via lattea |
voto:


:: MARGUERITE |
voto:


:: TRE CUORI |
voto:


:: IL SALE DELLA TERRA |
voto:


:: LA TRATTATIVA |
voto:


:: PASOLINI |
voto:


:: ANIME NERE |
voto:


:: SENZA NESSUNA PIETA' |
voto:

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18

 

 

 

 

 

:: Speciale a cura dei membri del CGS

"visti per voi"
Schede di film recenti redatte e curate dal CGS Marche

Vi state chiedendo quale film andare a vedere al cinema?
In questa sezione trovate le nostre opinioni e valutazioni su pellicole viste recentemente.

 

Ultima recensione:

GATTA CENERENTOLA

recensione di: Lab Venezia Cinema CGS 2017 | voto: 4

regia: Alessandro Rak, Ivan Cappiello, Marino Guarnieri,
Animazione / Italia / (86')
anno: 2017


Questo primo film di animazione computerizzata diretto insieme dai quattro realizzatori napoletani, spiazza chi si aspetta di vedere un cartone animato per bambini e presenta le caratteristiche dark già appartenenti al racconto secentesco di Giovambattista Basile (napoletano anche lui), inserito nel celebre “Cunto de li cunti”.  Prodotto rivolto decisamente ad un pubblico giovane o di adulti, sia per la grafica giocata su tratti spigolosi e colori acidi che rimandano agli Anime giapponesi che per le tematiche forti (corruzione, traffico di droga, riciclaggio, sfruttamento sessuale, ambiguità nei rapporti familiari…). Mia Basile, la piccola protagonista che nel cognome ricorda l’origine letteraria della storia e già nell’incipit perde una scarpina, è figlia di Vittorio, il geniale inventore di Megaride, la nave culla del Museo della Scienza da lui progettato per far risorgere Napoli attraverso la cultura e la tecnologia d’avanguardia. Ma un odioso antagonista chiamato ironicamente Salvatore Lo Giusto detto “’o Re”, organizza l’omicidio di Vittorio, per fare di Napoli il principale porto dello spaccio e del riciclaggio; la piccola viene così segregata sulla nave in balìa della bella e crudele matrigna e delle sei sorellastre. I temi della violenza, del degrado ambientale e morale, della droga e del progetto criminale in atto sulla città diventano così il punto focale di questo film, che neanche la liberatoria esplosione finale riesce a trasformare in dolce favola. Trascinanti e talvolta dolorosamente commoventi le performances musicali, ben eseguite da un cast di ottime voci. I volti suggeriscono alcune fisionomie napoletane celebri, come quella di Vittorio De Sica e l’insieme restituisce un senso di indignata ribellione dettata dallo struggente amore verso la città. Bellissimo. Entusiastica l'accoglienza a Venezia 74 (in concorso Orizzonti).

 

________________________________

Segnala ad un amico

indietro

visitatore numero:

top

 
 
 

Galleria di immagini


____________