> Home > Chi siamo > Rassegne > Contatti
     
 

Archivio


:: VICTORIA E ABDUL |
voto:


:: NICO, 1988 |
voto:


:: MADRE! |
voto:


:: AMMORE E MALAVITA |
voto:


:: UNA FAMIGLIA |
voto:


:: L'ORDINE DELLE COSE |
voto:


:: IL COLORE NASCOSTO DELLE COSE |
voto:


:: L'EQUILIBRIO |
voto:


:: GATTA CENERENTOLA |
voto:


:: VELENO |
voto:


:: LA VITA IN COMUNE |
voto:


:: DUNKIRK |
voto:


:: ON THE MILKY ROAD - sulla via lattea |
voto:


:: MARGUERITE |
voto:


:: TRE CUORI |
voto:


:: IL SALE DELLA TERRA |
voto:


:: LA TRATTATIVA |
voto:


:: PASOLINI |
voto:


:: ANIME NERE |
voto:


:: SENZA NESSUNA PIETA' |
voto:

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18

 

 

 

 

 

:: Speciale a cura dei membri del CGS

"visti per voi"
Schede di film recenti redatte e curate dal CGS Marche

Vi state chiedendo quale film andare a vedere al cinema?
In questa sezione trovate le nostre opinioni e valutazioni su pellicole viste recentemente.

 

Ultima recensione:

L'EQUILIBRIO

recensione di: Lab Venezia Cinema CGS 2017 | voto: 4

regia: Vincenzo Marra
Mimmo Borrelli, Roberto Del Gaudio, Lucio Giannetti, Giuseppe D'Ambrosio, Francesca Zazzera (Italia, 90')
anno: 2017


Dopo  aver ottenuto di “tornare a casa”, a Napoli in periferia,  Don Giuseppe dovrà scontrarsi con un ambiente difficile,  omertoso  e pieno di regole “incomprensibili’.

Itinerario cristologico, come definito dal regista, il film presenta la difficile ricerca di incarnazione nel “qui e ora” da parte di un cristianesimo contemporaneo in precario equilibrio. Temi molto attuali, molto caldi e molto vicini quelli de L’EQUILIBRIO, che dettano per tutto il film un senso di amara realtà e che mettono in crisi lo spettatore fino alla rovinosa fine. La regia, asciutta e tagliente, chiarisce fin da subito l’esplicita allegoria in cui ci troviamo, dove all’ideale di un posto migliore viene contrapposta la più triste realtà del sacrificio di pochi per la salvezza di molti. Le simmetrie oppositive sono indizi di tutta la drammatica oscillazione che dà nome all’opera: al pragmatico e compromesso Don Antonio si contrappone l’incorrotta testimonianza di Don Giuseppe; alla paura della gente, il rifiuto della denuncia;  alla vestizione iniziale del protagonista, il denudamento finale a fronte di un mondo oramai abbandonato, come lui. Seria, coraggiosa, ma mai manichea la sceneggiatura; la macchina da presa accompagna costantemente a distanza ravvicinata la tentata missione del protagonista. Ne esce un prodotto necessario. Presentato ne Le Giornate degli Autori a Venezia 74, vince la Lanterna Magica CGS.

 

________________________________

Segnala ad un amico

indietro

visitatore numero:

top

 
 
 

Galleria di immagini


____________