> Home > Chi siamo > Rassegne > Contatti
     
 

Archivio


:: MADRE! |
voto:


:: NICO, 1988 |
voto:


:: AMMORE E MALAVITA |
voto:


:: UNA FAMIGLIA |
voto:


:: L'ORDINE DELLE COSE |
voto:


:: IL COLORE NASCOSTO DELLE COSE |
voto:


:: L'EQUILIBRIO |
voto:


:: GATTA CENERENTOLA |
voto:


:: VELENO |
voto:


:: LA VITA IN COMUNE |
voto:


:: DUNKIRK |
voto:


:: ON THE MILKY ROAD - sulla via lattea |
voto:


:: MARGUERITE |
voto:


:: TRE CUORI |
voto:


:: IL SALE DELLA TERRA |
voto:


:: LA TRATTATIVA |
voto:


:: PASOLINI |
voto:


:: ANIME NERE |
voto:


:: SENZA NESSUNA PIETA' |
voto:


:: LA ZUPPA DEL DEMONIO |
voto:

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18

 

 

 

 

 

:: Speciale a cura dei membri del CGS

"visti per voi"
Schede di film recenti redatte e curate dal CGS Marche

Vi state chiedendo quale film andare a vedere al cinema?
In questa sezione trovate le nostre opinioni e valutazioni su pellicole viste recentemente.

 

Ultima recensione:

UNA FAMIGLIA

recensione di: lab Venezia CGS 2017 | voto: 3

regia: Sebastiano Riso
Micaela Ramazzotti, Patrik Breul, Fortunato Cerlino, Ennio Fantastichini, Matilda De Angelis (105')
anno: 2017


E’ ormai chiaro che il tema trasversale di questa 74° Mostra Del Cinema di Venezia è la famiglia vista sotto le sue più diverse angolazioni; anche UNA FAMIGLIA di Sebastiano Riso,  regista per la prima volta presente al Lido, offre il suo punto di vista. Il film racconta la storia, ispirata a fatti realmente accaduti, di una coppia che dopo aver concepito i propri figli decide di venderli. Nell’incipit, infatti,  la macchina a spalla segue Vincent e Maria in un contesto metropolitano. Situazioni ordinarie ma opache si susseguono e fanno pensare a una famiglia (come recita il titolo) in formazione; gradualmente, però, le atmosfere si incupiscono, i colori si fanno acidi, i dialoghi duri e frammentati, la periferia è quella grigia di Roma. La narrazione si dipana intorno a nuclei tematici impegnativi, quali il desiderio/diritto di essere genitori, lo sfruttamento del corpo femminile, le varie declinazioni dell’idea di famiglia, la violenza sulle donne, la marginalità sociale che prospera nell’indifferenza … Forse troppa carne al fuoco; certamente troppo severo l’accanimento della critica festivaliera nei confronti di un film serio nelle intenzioni e a tratti convincente, specie nell’uso della fotografia e dei movimenti di macchina, che creano spesso una fusione tra osservatore e personaggi. Intense le interpretazioni dei due protagonisti, anche se talvolta sopra le righe; coraggioso il plot,  aldilà di alcune eccessive semplificazioni e di qualche lungaggine. In concorso a Venezia 74.

________________________________

Segnala ad un amico

indietro

visitatore numero:

top

 
 
 

Galleria di immagini


____________