> Home > Chi siamo > Rassegne > Contatti
     
 

Archivio


:: UNA STORIA SENZA NOME |
voto:


:: LA PROFEZIA DELL'ARMADILLO |
voto:


:: SULLA MIA PELLE |
voto:


:: LA MELODIE |
voto:


:: LA CASA SUL MARE |
voto:


:: A QUIET PLACE - Un posto tranquillo |
voto:


:: DARK NIGHT |
voto:


:: THE SHAPE OF WATER |
voto:


:: TRE MANIFESTI A EBBING, MISSOURI |
voto:


:: SUBURBICON |
voto:


:: VICTORIA E ABDUL |
voto:


:: MADRE! |
voto:


:: NICO, 1988 |
voto:


:: AMMORE E MALAVITA |
voto:


:: UNA FAMIGLIA |
voto:


:: L'ORDINE DELLE COSE |
voto:


:: IL COLORE NASCOSTO DELLE COSE |
voto:


:: L'EQUILIBRIO |
voto:


:: GATTA CENERENTOLA |
voto:


:: VELENO |
voto:

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19

 

 

 

 

 

:: Speciale a cura dei membri del CGS

"visti per voi"
Schede di film recenti redatte e curate dal CGS Marche

Vi state chiedendo quale film andare a vedere al cinema?
In questa sezione trovate le nostre opinioni e valutazioni su pellicole viste recentemente.

 

Ultima recensione:

SULLA MIA PELLE

recensione di: lab Venezia Cinema CGS 2018 | voto: 4

regia: Alessio Cremonini
Alessandro Borghi, Jasmine Trinca, Max Tortora, Milvia Marigliano (100')
anno: Italia 2018


Tratto da un reale fatto di cronaca, Sulla Mia Pelle ripercorre i sette drammatici giorni che trascorrono tra l'arresto e la morte di Stefano Cucchi, ragazzo di 31 anni accusato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti e deceduto in cella il 22 Ottobre 2009, per cause ancora non completamente accertate. La vicenda mette da subito in luce i limiti di un sistema burocratico miope, cui però tutte le figure coinvolte fanno ciecamente riferimento (spesso anche solo per poter dimostare di non essere implicate, qualora dovessero emergere complicazioni), in un continuo alternarsi di rispetto, speranza e sfiducia nelle Istituzioni. L'atmosfera di incertezza e crescente disperazione è sottolineata dal ritmo delle inquadrature, nè eccessivamente insistenti nella ricerca di un'emotività esasperata, nè superficiali per evitare di risultare "scomode". Interessante il lavoro sulle luci che predilige i colori freddi, a caratterizzare come asettici tutti gli ambienti descritti, ad eccezione dell'appartamento dei genitori del protagonista. Si sottolinea positivamente l'utilizzo della soggettiva, tanto in campo visivo quanto sonoro. Silenzi importanti. Selezionato a Venezia 75 nella sezione Orizzonti in cui vince il Premio Pasinetti, il premio FEDIC e il premio UAAR.

________________________________

Segnala ad un amico

indietro

visitatore numero:

top

 
 
 

Galleria di immagini


____________