> Home > Chi siamo > Rassegne > Contatti
     
 

Archivio


:: IL GRANDE SOGNO |
voto:


:: GRAN TORINO |
voto:


:: IL CURIOSO CASO DI BENJAMIN BUTTON |
voto:


:: LA BOHEME |
voto:


:: PONYO SULLA SCOGLIERA |
voto:


:: THE MILLIONAIRE |
voto:


:: KATYN |
voto:


:: ANGELI E DEMONI |
voto:


:: THE WRESTLER |
voto:


:: L'ONDA |
voto:


:: FROST/NIXON IL DUELLO |
voto:


:: IL GIARDINO DI LIMONI |
voto:


:: STELLA |
voto:


:: RACHEL STA PER SPOSARSI |
voto:


:: THE BURNING PLAIN |
voto:


:: PA-RA-DA |
voto:


:: PRANZO DI FERRAGOSTO |
voto:


:: LA TERRA DEGLI UOMINI ROSSI - Birdwatchers |
voto:


:: IL SEME DELLA DISCORDIA |
voto:


:: UN GIORNO PERFETTO |
voto:

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19

 

 

 

 

 

:: Speciale a cura dei membri del CGS

"visti per voi"
Schede di film recenti redatte e curate dal CGS Marche

Vi state chiedendo quale film andare a vedere al cinema?
In questa sezione trovate le nostre opinioni e valutazioni su pellicole viste recentemente.

 

Ultima recensione:

ZEN SUL GHIACCIO SOTTILE

recensione di: Lab Venezia Cinema CGS 2018 | voto: 3

regia: Margherita Ferri
Eleonora Conti, Susanna Acchiardi, Fabrizia Sacchi (Italia / 90')
anno: 2018


Zen è il soprannome di Maia, una ragazza che vive in un piccolo borgo montano e che da sempre viene presa in giro a causa dei suoi atteggiamenti mascolini. Zen gioca bene ad hockey e fa parte della squadra maschile…. La sua vita è come un ghiacciaio che si spacca per un disagio crescente, marcato dal rumore dalle crepe dell’iceberg nel silenzio dell’ambiente circostante. Il silenzio è infatti una costante del film: a tratti scarni i dialoghi, a dare spazio ai volti, ai suoni ambientali e ai paesaggi naturali, quelli montani, per indurre nello spettatore una dimensione empatica con Zen. L’isolamento e l'aggressività non le consentono di rompere la corazza ‘da dura’ che indossa (come la sua armatura da hockey – che rinvia anche ad una sorta di difesa personale, ma anche emblema di un corpo nel quale si sente prigioniera).

Quello di Maia è un percorso lungo, un viaggio emozionale, di crescita personale, di formazione identitaria, di coraggio e di scelte (come il finale simbolico sottolinea).

Presentato alla 75esima Mostra del Cinema di Venezia nella sezione Biennale College, il film, seppure prodotto con budget limitato ed attori esordienti, offre interessanti spunti di analisi e riflessione senza mai cadere nel giudizio facile e scontato.

________________________________

Segnala ad un amico

indietro

visitatore numero:

top

 
 
 

Galleria di immagini


____________