> Home > Chi siamo > Rassegne > Contatti
  :: ricerca nel sito  
 

Archivio

09/09/2018
:: PREMI UFFICIALI

08/09/2018
:: PREMI COLLATERALI

07/09/2018
:: venerdi 7 settembre

06/09/2018
:: giovedi 6 settembre

05/09/2018
:: mercoledi 5 settembre

04/09/2018
:: martedi 4 settembre

03/09/2018
:: lunedi 3 settembre

02/09/2018
:: Domenica 2 settembre

01/09/2018
:: Sabato 1 settembre

31/08/2018
:: Terzo Giorno

30/08/2018
:: Giovedi' 30 Agosto

29/08/2018
:: Mercoledi' 29 agosto

20/08/2018
:: LABORATORIO CINEMA CGS A VENEZIA

19/08/2018
:: Programma Venezia 75

05/08/2018
:: SETTIMANA INTERNAZIONALE DELLA CRITICA (SIC)

05/08/2018
:: GIORNATE DEGLI AUTORI

04/08/2018
:: VENEZIA CLASSICI

04/08/2018
:: VENICE VIRTUAL REALITY

04/08/2018
:: BIENNALE COLLEGE CINEMA

04/08/2018
:: SCONFINI

03/08/2018
:: ORIZZONTI

02/08/2018
:: FUORI CONCORSO

01/08/2018
:: Venezia 75 - in concorso

31/07/2018
:: Giuria Lanterna Magica 2018

 

 


 

Edizioni della Biennale

Segui i link per leggere gli articoli delle altre edizioni.

2018
:: Fuori dal Coro 2018

2017
:: Fuori dal Coro 2017

2016
:: Fuori dal Coro 2016

2015
:: Fuori dal Coro 2015

2014
:: Fuori dal Coro 2014

2013
:: Fuori dal coro 2013

2012
:: Fuori dal Coro 2012

2011
:: Fuori dal Coro 2011

2010
:: Fuori dal Coro 2010

2009
:: Fuori dal Coro 2009

2008
:: Fuori dal Coro 2008

2007
:: Fuori dal Coro 2007

2006
:: Fuori dal coro 2006

2005
:: Fuori dal coro 2005

2004
:: Fuori dal coro 2004

2003
:: fuoridalcoro 2003

2002
:: fuoridalcoro


 

 


 

Sito ufficiale

www.labiennale.org
Sito ufficiale della Mostra. Vi si trova il calendario e molto altro materiale di presentazione.

 

 

::Esclusiva dal Laboratorio Venezia Cinema

Fuori dal Coro 2018

Dal 28 Agosto Sentieri di Cinema seguirà alla 75.ma Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, con foto e recensioni dei film.

Il gruppo farà parte della Giuria per l'assegnazione del premio Lanterna Magica.

 

03/09/2018 lunedi 3 settembre

Fuori concorso
DRAGGED ACROSS CONCRETE
di  S. Craig Zahler
con  Mel Gibson, Vince Vaughn, Tory Kittles (Canada, Usa / 159’)
 
Brett e Anthony, due poliziotti sospesi a causa di un video su un arresto brutale (ma non più di tanto), sono spinti a varcare la sottile linea che separa legalità da illegalità. Malgrado il racconto, un poliziesco a tinte pulp, inizi seguendo tutti gli stereotipi cui la serialità ci ha abituato, il plot cresce nel tentativo di scovare, tra le pieghe del genere, una maggiore consistenza. Non sfuggono la colonna sonora e molte ambientazioni anni ‘70/’80, elementi essenziali al contorno di un congegno narrativo efficace in cui si muovono personaggi con uno spessore crescente. Si cita il passato per tentare di distanziarsene, come sembrerebbe alludere tra l’altro un irriconoscibile Mel Gibson, con il pallino di valutare la probabilità di ogni evento (indice di un’incertezza opposta alla sicurezza del protagonista di “Arma Letale” che lo aveva consacrato negli anni ’90).
 
 
Sconfini
L’HEURE DE LA SORTIE
Regia  Sébastien Marnier
Interpreti  Laurent Lafitte, Luana Bajrami, Victor Bonnel, Emmanuelle Bercot, Pascal Greggory, Gringe (Francia / 94’)
 
Un insegnante si suicida lanciandosi dalla finestra davanti ai suoi alunni. Il supplente Pierre, inviato a sostituirlo, si rende conto che alcuni di loro hanno un atteggiamento ostile e stanno studiando un piano misterioso. Verrà risucchiato in un gioco ossessivo che trasforma la sua vita in un incubo. Il film, ispirato al romanzo di Christophe Dufossé "L'ultima Ora", seconda opera del regista francese Sebastien Marnier (prima volta al Lido), si presenta come un prodotto ricco di contenuti. Forse troppa la carne al fuoco: l'inquinamento, i comportamenti delle nuove generazioni e gli errori delle vecchie. Il film comunque regge grazie alla suspence. Si nota una colonna sonora molto insistente e l’utilizzo frequente di primi piani.
 
 
Sconfini
CAMORRA
di  Francesco Patierno
(Italia / 70’)
 
“Non documentario storico né reportage giornalistico”, come dichiara il regista Patierno, ma “film” che nasce da inquadrature ricavate da materiali d’archivio appartenenti a dossier giornalistici degli anni sessanta-novanta, con Napoli e la Campania protagoniste.
La Camorra del titolo è una dimensione onnipervasiva di resa alla malavita, quasi di reinterpretazione della realtà, per cui Raffaele Cutolo può sentirsi un benefattore amico dei poveri, il contrabbando può essere praticato come un lavoro regolare, settori delle Istituzioni  possono trattare con la malavita il riscatto nel rapimento Cirillo del 1981…
Super 8, inchieste di giornalisti storici della Rai, colore e bianco/nero dialogano in un montaggio serrato con le musiche  della cantautrice napoletana Meg (Maria Di Donna), interfacciando malinconicamente passato e presente.
 
 
Venezia 75
WHAT YOU GONNA DO WHEN THE WORLD’S ON FIRE?
di  Roberto Minervini
con Judy Hill, Dorothy Hill, Michael Nelson, Ronaldo King, Titus Turner, Ashley King, Kevin Goodman, The New Black Panthers Party for Self Defense (Italia, Usa, Francia / 123’)
 
Cosa fare quando il mondo è in fiamme? È questo il titolo del nuovo docu-film diretto dall'italo-americano Roberto Minervini che in questo prodotto ha deciso di documentare la situazione di disagio vissuta dagli afroamericani in un paese in cui la rabbia razziale è fomentata dal presidente Trump. L'opera si concentra sulle manifestazioni di protesta da parte dei "Black Panthers" in seguito agli eventi che hanno scosso il sud degli USA nell'estate 2017, quando vengono uccisi per mano della polizia vari giovani di colore. Dell'opera colpisce subito il fatto che l'intero film sia girato in bianco e nero quasi a voler ricordare che il paese, nonostante lo sviluppo economico, non è poi cambiato chissà quanto dagli anni '60/'70. Interessante la scelta di una colonna sonora priva di commento musicale, ma punteggiata dai rumori della città.
 
 
Best Of VR (Installations Interactive)
VR_I
di Gilles Jobin, Caecilia Charbonnier, Sylvain Chagué
 
Appena entri nel Lazzaretto Vecchio di Venezia ti imbatti in questa attrazione: un gruppo di persone, attrezzato di mascherina VR, sensori sulle mani e sui piedi e computer in spalla, che si muove in maniera molto goffa su un tappeto. Incuriosito decido di provare anche io e subito mi ritrovo in un’esperienza unica... Io e i miei compagni siamo diventati degli avatar in mezzo a 5 giganti che si muovono nelle maniere più disparate e ti fissano come fossi qualcosa di mai visto. Sicuramente il VR migliore provato in questi giorni di festival.

 

________________________________

Segnala ad un amico

indietro

visitatore numero:

top

 
:: multimedia
 
 

Galleria di immagini


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________

Altre immagini