> Home > Chi siamo > Rassegne > Contatti
  :: ricerca nel sito  
 

Archivio

09/09/2018
:: PREMI UFFICIALI

08/09/2018
:: PREMI COLLATERALI

07/09/2018
:: venerdi 7 settembre

06/09/2018
:: giovedi 6 settembre

05/09/2018
:: mercoledi 5 settembre

04/09/2018
:: martedi 4 settembre

03/09/2018
:: lunedi 3 settembre

02/09/2018
:: Domenica 2 settembre

01/09/2018
:: Sabato 1 settembre

31/08/2018
:: Terzo Giorno

30/08/2018
:: Giovedi' 30 Agosto

29/08/2018
:: Mercoledi' 29 agosto

20/08/2018
:: LABORATORIO CINEMA CGS A VENEZIA

19/08/2018
:: Programma Venezia 75

05/08/2018
:: SETTIMANA INTERNAZIONALE DELLA CRITICA (SIC)

05/08/2018
:: GIORNATE DEGLI AUTORI

04/08/2018
:: VENEZIA CLASSICI

04/08/2018
:: VENICE VIRTUAL REALITY

04/08/2018
:: BIENNALE COLLEGE CINEMA

04/08/2018
:: SCONFINI

03/08/2018
:: ORIZZONTI

02/08/2018
:: FUORI CONCORSO

01/08/2018
:: Venezia 75 - in concorso

31/07/2018
:: Giuria Lanterna Magica 2018

 

 


 

Edizioni della Biennale

Segui i link per leggere gli articoli delle altre edizioni.

2018
:: Fuori dal Coro 2018

2017
:: Fuori dal Coro 2017

2016
:: Fuori dal Coro 2016

2015
:: Fuori dal Coro 2015

2014
:: Fuori dal Coro 2014

2013
:: Fuori dal coro 2013

2012
:: Fuori dal Coro 2012

2011
:: Fuori dal Coro 2011

2010
:: Fuori dal Coro 2010

2009
:: Fuori dal Coro 2009

2008
:: Fuori dal Coro 2008

2007
:: Fuori dal Coro 2007

2006
:: Fuori dal coro 2006

2005
:: Fuori dal coro 2005

2004
:: Fuori dal coro 2004

2003
:: fuoridalcoro 2003

2002
:: fuoridalcoro


 

 


 

Sito ufficiale

www.labiennale.org
Sito ufficiale della Mostra. Vi si trova il calendario e molto altro materiale di presentazione.

 

 

::Esclusiva dal Laboratorio Venezia Cinema

Fuori dal Coro 2018

Dal 28 Agosto Sentieri di Cinema seguirà alla 75.ma Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, con foto e recensioni dei film.

Il gruppo farà parte della Giuria per l'assegnazione del premio Lanterna Magica.

 

04/09/2018 martedi 4 settembre

Orizzonti
LA PROFEZIA DELL'ARMADILLO
di Emanuele Scaringi
con Simone Liberati, Valerio Aprea, Pietro Castellitto, Laura Morante (Italia / 99’)
 
Tratta dall'omonima graphic novel autobiografica di Zero Calcare, la narrazione riguarda la crescita del giovane Zero attraverso l'elaborazione della perdita della sua amica d'infanzia Camille. Al fianco del protagonista c'è costantemente l'ingombrante Armadillo, simbolizzazione del flusso dei suoi pensieri "scomodi". Buona la sceneggiatura (fedele a tutti gli stilemi dell'opera originale) che, assieme all'interpretazione del protagonista, sostiene gran parte dell'opera. Fluida la gestione dei piani temporali. Colpisce l'immaturità delle figure autoritarie, spesso assenti.
 
 
Fuori concorso
1938 DIVERSI
di  Giorgio Treves
Con Roberto Herlitzka, Stefania Rocca e Alessandro Federico
(Italia / 62’)
 
Un documentario equilibrato e, nel contempo, toccante realizzato in occasione degli 80 anni dalla promulgazione delle leggi razziali in Italia. Una accurata ricostruzione storica affidata al lavoro di Ilaria Gaspari ma ricavata attraverso interventi di Sergio Luzzatto, Liliana Picciotto, Edoardo Novelli (e altri) e arricchita da una pluralità di contributi (da Walter Veltroni a Luciana Castellina fino a Liliana e Bruno Segre) vengono collegati da un’interpretazione narrativa poetico-cinematografica che si avvale delle interpretazioni di Roberto Herlitzka, Stefania Rocca e Alessandro Federico. Il passato può tornare sotto forme diverse e la memoria si fa necessaria sentinella.
 
 
Fuori concorso – proiezione speciale
L’AMICA GENIALE
di  Saverio Costanzo
con  Elisa Del Genio, Ludovica Nasti, Margherita Mazzucco, Gaia Girace / Italia, (Belgio / 120’)
 
La storia dell’amicizia di una vita nata tra Lila e Lenù nella Napoli povera degli anni ’50, narrata dalla misteriosa Elena Ferrante nella fortunata saga ormai cult in Italia e negli U.S.A. (come testimonia il docu “Ferrante Fever” di G. Durzi, 2017), diventa serie televisiva con la regia di Saverio Costanzo (“In memoria di me”, “La solitudine dei numeri primi”, “In Treatment”). I primi 120 minuti presentati alla Mostra del Cinema rivelano un certo didascalismo nella scelta di restare fedeli alla fonte letteraria, riproducendo con precisione (troppa?) personaggi, luoghi e situazioni nati sulla carta, con riferimenti puntuali  familiari ai lettori ma non agli spettatori che non conoscano il testo. Certamente la ricostruzione degli ambienti e delle atmosfere, unita alla convincente interpretazione delle piccole protagoniste, farà immergere il popolo dei fan in questa fiction tutta italiana che ci accompagnerà nelle serate autunnali.
 
 
Orizzonti
OZEN (IL FIUME)
di  Emir Baigazin
con Zhalgas Klanov, Eric Tazabekov, Zhasulan Userbayev, Ruslan Userbayev (Kazakistan, Polonia, Norvegia / 108’)
 
Seguiamo la storia di 5 fratelli lasciati crescere “fuori” da ogni centro abitato, in assenza di contatti con il mondo esterno. Il maggiore, Aslan, ha la responsabilità, affidatagli con estremo rigore dal padre spesso assente, di far crescere i fratelli. Con l’arrivo e successiva scomparsa di Kanat, cugino di città, che aveva portato scompiglio nell’ordine gerarchico familiare attraverso l’uso di un semplice tablet, cambiano per sempre le sorti dei protagonisti. Niente sarà più come prima. Il regista, Emir Baigazin, gestisce una narrazione molto lenta e altamente simbolica con inquadrature studiate magistralmente: infatti ogni immagine è un quadro di esattezze simmetriche e corrispondenze geometriche. A legare l’evoluzione del plot narrativo e simbolico è il fiume (da cui il titolo dell’opera). Molto rari i dialoghi e sporadica la colonna sonora (molto significativa ove presente). Difficile da seguire e interpretare.
 
 
Fuori concorso – non fiction
A LETTER TO A FRIEND IN GAZA
di  Amos Gitai
(Israele / 34’)
 
Quattro attori recitano brani importanti della letteratura israeliana, su questi sono inseriti parallelamente immagini e video reali di scontri, manifestazioni, rivolte e stragi. Il regista Amos Gitai dimostra ancora una volta grande capacità critico-comunicativa sulla questione israelo-palestinese gestendo narrativamente un ritmo scandito dalle tante parole, sempre piene di significati e metafore, recitate dagli attori. Il filo del cortometraggio si scioglie iniziando dalla poesia  “Pensa agli Altri” di Mahmoud Darwish. Esplicito il commento sonoro sempre evocativo.
 
 
Fuori concorso
A TRAMWAY IN JERUSALEM
Di  Amos Gitai
con Noa Ahinoamam Nini, Mathieu Amalric, Hana Laslo, Yael Abecassis, Pippo Delbono, Yuval Scharf, Karen Mor, Lamis Amar, Mustafa Masi (Israele, Francia / 90’)
 
In un Tram di Gerusalemme passano e si incrociano personaggi, storie e canzoni, riti e tradizioni multietniche. Il lungometraggio è gestito a capitoli scanditi dalle ore della giornata. Amos Gitai conferma nuovamente il suo cinema di parola sempre attento a dare voce e spazio, grazie a Primi Piani, dettagli e long-take, all’Uomo specialmente in una situazione variegata e difficile come quella di Gerusalemme. Apre la corsa alle h5.02 del mattino l’intensa interpretazione canora di Noa.
 
 
Best Of VR (Theatre Linear)
GHOST IN THE SHELL: VIRTUAL REALITY DIVER
di Higashi Hiroaki
 
Giappone 2025, il confine tra uomo e macchina è ormai dissolto. Il governo viene a conoscenza della minaccia di un attacco terroristico; il caso viene affidato a Motoko Kusanagi che con il suo corpo artificiale riunisce la propria squadra e parte per fermare il terrorista. Purtroppo nonostante la buona qualità delle immagini il cortometraggio (16 minuti) rimane troppo movimentato e causa nello spettatore giramento di testa. Completamente in inglese e senza sottotitoli: non aiuta chi ha difficoltà con la lingua... peccato.

________________________________

Segnala ad un amico

indietro

visitatore numero:

top

 
:: multimedia
 
 

Galleria di immagini


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________

Altre immagini