> Home > Chi siamo > Rassegne > Contatti
  :: ricerca nel sito  
 

Archivio

09/09/2018
:: PREMI UFFICIALI

08/09/2018
:: PREMI COLLATERALI

07/09/2018
:: venerdi 7 settembre

06/09/2018
:: giovedi 6 settembre

05/09/2018
:: mercoledi 5 settembre

04/09/2018
:: martedi 4 settembre

03/09/2018
:: lunedi 3 settembre

02/09/2018
:: Domenica 2 settembre

01/09/2018
:: Sabato 1 settembre

31/08/2018
:: Terzo Giorno

30/08/2018
:: Giovedi' 30 Agosto

29/08/2018
:: Mercoledi' 29 agosto

20/08/2018
:: LABORATORIO CINEMA CGS A VENEZIA

19/08/2018
:: Programma Venezia 75

05/08/2018
:: SETTIMANA INTERNAZIONALE DELLA CRITICA (SIC)

05/08/2018
:: GIORNATE DEGLI AUTORI

04/08/2018
:: VENEZIA CLASSICI

04/08/2018
:: VENICE VIRTUAL REALITY

04/08/2018
:: BIENNALE COLLEGE CINEMA

04/08/2018
:: SCONFINI

03/08/2018
:: ORIZZONTI

02/08/2018
:: FUORI CONCORSO

01/08/2018
:: Venezia 75 - in concorso

31/07/2018
:: Giuria Lanterna Magica 2018

 

 


 

Edizioni della Biennale

Segui i link per leggere gli articoli delle altre edizioni.

2018
:: Fuori dal Coro 2018

2017
:: Fuori dal Coro 2017

2016
:: Fuori dal Coro 2016

2015
:: Fuori dal Coro 2015

2014
:: Fuori dal Coro 2014

2013
:: Fuori dal coro 2013

2012
:: Fuori dal Coro 2012

2011
:: Fuori dal Coro 2011

2010
:: Fuori dal Coro 2010

2009
:: Fuori dal Coro 2009

2008
:: Fuori dal Coro 2008

2007
:: Fuori dal Coro 2007

2006
:: Fuori dal coro 2006

2005
:: Fuori dal coro 2005

2004
:: Fuori dal coro 2004

2003
:: fuoridalcoro 2003

2002
:: fuoridalcoro


 

 


 

Sito ufficiale

www.labiennale.org
Sito ufficiale della Mostra. Vi si trova il calendario e molto altro materiale di presentazione.

 

 

::Esclusiva dal Laboratorio Venezia Cinema

Fuori dal Coro 2018

Dal 28 Agosto Sentieri di Cinema seguirà alla 75.ma Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica, con foto e recensioni dei film.

Il gruppo farà parte della Giuria per l'assegnazione del premio Lanterna Magica.

 

05/09/2018 mercoledi 5 settembre

Venezia 75
VOX LUX
di Brady Corbet
con Natalie Portman, Jude Law, Raffey Cassidy, Stacy Martin, Jennifer Ehle (Usa / 110’)
 
L’opera narra la vita della pop-star Celeste partendo dalla genesi dell’artista nel 1998 fino al 2017. Il film, scandito in capitoli con cesure nette su schermo nero, alterna scene più statiche ad altre più dinamiche, rese tali anche grazie al montaggio che crea un ritmo altalenante. Come già nell’opera precedente di Corbet “L’infanzia di un capo” (2015), la fotografia si avvale di toni oscuri, alternati a fugaci flash e brevi fasi di luce soffusa; anche il comparto audio ripropone analoghe soluzioni con frequenti inserti dissonanti che rendono il senso di inquietudine cui rinvia la storia narrata. La sceneggiatura, dopo un inizio decisamente d’impatto, riesce solo parzialmente a rendere il senso di persecuzione di Celeste: l’inquietante parallelismo che emerge nel finale tra spettacolo e terrorismo arriva debolmente allo spettatore. Ottima invece l’interpretazione dell’attrice protagonista Natalie Portman.
 
 
Venezia 75
AT ETERNITY’S GATE
Regia  Julian Schnabel
Interpreti  Willem Dafoe, Rupert Friend, Oscar Isaac, Mads Mikkelsen, Mathieu Amalric, Emmanuelle Seigner, Niels Arestrup (Usa, Francia / 110’)
 
Un viaggio introspettivo nel mondo di Vincent Van Gogh relativo agli ultimi anni della sua vita. Uomo sempre più solo ed instabile, vittima delle proprie intime debolezze e della difficoltà nello stringere legami affettivi, riceve supporto unicamente dal fratello Thèo e dall'amico Gauguin. Lo stato d'animo del pittore è evidenziato da inquadrature volutamente rovesciate e instabili. Colpisce in particolare la fotografia, che sin dall’inizio svolta decisamente sulla dimensione soggettiva, sia alludendo al punto di vista del pittore che a quello del regista che ne traspone lo sguardo; si alternando toni soffusi e tinte vivaci, in un uso sapiente della luce. Come già con il Pasolini di Abel Ferrara, Willem Dafoe diviene Van Gogh con un’adesione al personaggio pressoché totale.
 
 
Fuori concorso
LES ESTIVANTS
di Valeria Bruni Tedeschi
con Valeria Bruni Tedeschi, Pierre Arditi, Valeria Golino, Noémie Lvovsky, Yolande Moreau, Laurent Stocker, Riccardo Scamarcio (Francia, Italia / 125’)
 
Un gruppo di villeggianti della ricca borghesia francese si riunisce per le vacanze estive nella villa di famiglia di alcuni di loro sulla Costa Azzurra. Da un clima iniziale di  spensieratezza, pian piano affiorano antichi conflitti, questioni non risolte, rapporti di potere con il personale di servizio. Illusoria la sensazione di potersi estraniare dal mondo esterno in un ambiente che pare addormentarsi in una quiete mortale. Evidente la ricerca dei simbolismi di cui si permea l’intero racconto, esplicitati anche da diverse scene oniriche o vagamente surreali. Purtroppo, malgrado la buona recitazione di tutti gli attori (di rilievo il cast), al film manca la lievità cui avrebbe aspirato la Bruni Tedeschi e che le fa  tentare un poco indovinato finale esplicitamente felliniano. Interessante l’allusione continua al tema della morte (delle relazioni, ma anche degli stessi personaggi); il timore irriso e sottovalutato, ma sempre sullo sfondo, dell’intrusione dei cinghiali è metafora fin troppo chiara dell’invasione di un mondo in via di dissoluzione.
 
 
Settimana della Critica
TI IMAŠ NOĆ / YOU HAVE THE NIGHT
di Ivan Salatic
con Ivana Vukovic, Momo Picuric, Luka Petrone
(Montenegro, Serbia, Qatar / 82’)
 
“Io non ho più niente, tu hai la notte”: con questa battuta il film si chiude e da il titolo all’opera intera. Sono le parole che il più anziano dei personaggi che vivono in ciò che resta della cittadina portuale di Bijela, nel Montenegro, lascia in eredità al giovane Luka, che si avvia verso la foresta dando le spalle al mare. Sanja, la giovane protagonista, torna a casa dopo aver lasciato a Genova la nave in cui ha avuto l’ultimo impiego. Inquadrature, uso del colore sempre sui toni freddi, colonna sonora minimale, tutto esprime sottrazione, mancanza, marginalità, guasto che non si riesce a riparare. Il progetto occupazionale e di sviluppo esploso con il porto di Bijela negli anni di Tito, ora implode e, con la globalizzazione, smembra e vende a pezzi, con le banchine del porto, anche la vita delle persone. Dolente, tragico, necessario in questa Europa delle contraddizioni. Esigente con lo spettatore.
 
 
Orizzonti
JINPA
Regia  Pema Tseden
Interpreti  Jinpa, Genden Phuntsok, Sonam Wangmo / Cina / 86’
 
Jinpa è un camionista che viaggia per le strade del deserto tibetano. Sul cammino incontra un misterioso viandante, suo omonimo, a cui decide di dare un passaggio. Il viaggio inizia così a prendere un'altra direzione... Lunghe Inquadrature, tipiche del cinema orientale, caratterizzano la narrazione. L'uso del formato 4:3 permette inquadrature in cui risalta la simmetria e la duplicità del personaggio. Degni di nota fotografia e colonna sonora. Un'inaspettata versione tibetana di "O sole mio" che solo alla fine dell'opera, ritrova la sua forma originale napoletana, alludendo al percorso di risveglio che il protagonista riesce a completare.
 
 
Sconfini
MAGIC LANTERN
di Amir Naderi
con Monk Serrell-Freed, Sophie Lane Curtis, Robert Beltran, Jacqueline Bisset (Usa / 93’)
 
Il giovane proiezionista Mitch sta caricando l’ultimo film su pellicola “Lanterna Magica” prima del fatidico passaggio al digitale. Inizia così un racconto onirico e fantastico di ricerca e vecchie nostalgie del passato. Ambizioso il progetto di Amir Naderi (“Monte” 2016, “Cut” 2014), ricco di simbologie importanti, come l’ex attrice madre adottiva della giovane dalle molteplici identità il cui fato è già deciso in maniera irreparabile, entrambe personificazione della Pellicola destinata a sparire. Disseminate anche piccole esche: il nome del negozietto vintage “Paper Moon” come l’omonimo film in bianco/nero del 1973, oggetti di vecchi set e scenografie demodè. In linea anche il commento sonoro, che alterna pezzi celebri divenuti dei classici della musica da film, suoni moderni che riportano al presente (lo squillo insistente del cellulare) e rumori ‘notturni’ che rintoccano allo scadere del tempo. Ne esce un prodotto intricato e intrigante dalle tinte nostalgiche e retrò: omaggio appassionato al cinema.
 
 
Best Of VR (Theatre Linear)
ISLE OF DOGS BEHIND THE SCENES
di Wes Anderson
 
Questo VR pone il suo pubblico all'interno del mondo in miniatura del film realizzato in stop motion dal regista stesso. Lo spettatore si trova ad ascoltare i vari protagonisti che raccontano del proprio ruolo e dell'esperienza cinematografica mentre tutto intorno la troupe lavora per poter creare l'animazione del film... peccato che anche questo corto (6 minuti) sia completamente in inglese.

 

________________________________

Segnala ad un amico

indietro

visitatore numero:

top

 
:: multimedia
 
 

Galleria di immagini


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________


____________

Altre immagini